Questo sito non usa alcuna tecnica di profilazione degli utenti, fa uso solo di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito.
Per saperne di più leggi l'informativa privacy.

  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"
  • Centro sportivo comunale "Pegaso"
  • Fuori Posto - Festival di Teatri al limite
  • Laboratorio teatrale "A tutta scena"

Spazio Famiglie

Logo

Servizio di presa in carico e supporto psico-pedagogico famiglie e minori.

Carta Servizi

L'edizione 2023/24 della Carta servizi: uno strumento pratico e di facile lettura per conoscere i nostri servizi e le nostre attività.

Centro famiglia


Un luogo per le famiglie e le persone, uno spazio di gioco e condivisione per bambini e genitori.

La via di casa

Guarda il trailer

È disponibile on line il documentario "La via di casa"

“La via di casa” è l’autonarrazione, da parte dei protagonisti, della vita quotidiana in una casa un po’ speciale. Si tratta del progetto Dopo di noi, gestito dalla Cooperativa Eureka I Onlus e finanziato dal Municipio III con i fondi della Legge n. 112/2016, nota come legge del “Dopo di noi”. Il documentario è il frutto di un laboratorio di video partecipativo (realizzato in colabborazione con ZaLab), in cui i protagonisti, giovani disabili che hanno scelto insieme di condividere la loro vita quotidiana, hanno raccontato le loro vite e, in particolare, l’esperienza del Dopo di noi.

Nel documentario i quattro coinquilini, raccontano la loro vita quotidiana che, una settimana al mese, condividono con le operatrici e gli operatori della nostra Cooperativa. Vediamo i ragazzi nella loro vita domestica, nei momenti comuni e nell’intimità della loro camera. Li ascoltiamo raccontare la loro vita, incontrare gli amici, bere qualcosa al bar. E ascoltiamo le voci dei genitori, la loro esperienza e la grossa responsabilità nei confronti del futuro dei loro figli.

Il Dopo di noi è un percorso di “emancipazione” dalla famiglia di origine per persone disabili, un percorso intrapreso quando una famiglia esiste, sostiene e assiste il disabile, nella prospettiva di costruire un percorso di autonomia e autodeterminazione, che “attrezzi” il disabile ad affrontare un futuro in cui quel sostegno familiare, avuto sin dalla nascita, non esisterà più. Il traguardo ambizioso è quello dell’autoderminazione, in linea con quanto sostenuto dall’art. 19 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, che fa della possibiilità di scegliere il luogo e le persone con cui vivere, un modo per combattere l’isolamento e la segregazione delle persone disabili e promuoverne l’inclusione.